Trustpilot

Cerchi risposte alle tue domande? Contatta il nostro servizio clienti al numero 800 137 250.

OSL_Pink_month_1022_1140x600_IT.jpg

Pink October: mese dedicato alla prevenzione

Ottobre è il mese “in rosa”, quello dedicato alla campagna di sensibilizzazione sui tumori femminili che culmina con la Giornata internazionale contro il cancro al seno, il 19 ottobre.

In questa occasione, vogliamo portare l’attenzione sulla prevenzione del tumore del seno che deve cominciare a partire dai 20 anni di età con controlli annuali del seno eseguiti da uno specialista senologo, affiancati alla mammografia biennale dopo i 50 anni o all'ecografia, ma solo in caso di necessità, in donne giovani.

L'autopalpazione è il primo strumento di "prevenzione" del tumore al seno. Questo semplice test di autovalutazione consente d'imparare a conoscere la struttura e l'aspetto generale della mammella, quindi permette di cogliere precocemente qualsiasi cambiamento insolito rispetto alla fisionomia di base della stessa.

L'autopalpazione è un esame che ogni donna può eseguire da sola, ed è consigliato una settimana dopo la fine delle mesturazioni una volta al mese. Se eseguito correttamente e regolarmente, l'autoesame del seno può limitare il rischio di diagnosticare un tumore in fase avanzata.

Come eseguire l'autopalpazione?

  • La autopalpazione si esegue in posizione eretta, piegando il braccio corrispondente al seno da esaminare dietro la nuca.
  • La mammella va esaminata facendo scorrere con piccoli movimenti concentrici la parte interna di tre polpastrelli uniti di una mano (indice, medio e anulare). Queste manovre "a spirale" vanno ripetute per ogni quadrante del seno.
  • Muovendo le dita in senso circolare, con pressione via via crescente, è possibile cogliere eventuali noduli o indurimenti del tessuto mammario.
  • Continuare la palpazione anche del cavo ascellare attorno alla curva del seno, senza dimenticarsi anche della parte vicina allo sterno.
  • Le stesse manovre vanno ripetute in posizione supina, con il braccio corrispondente al seno da esaminare in alto, piegato sotto la testa.
  • Nell'ultima fase, si preme delicatamente il capezzolo tra indice e pollice, per verificare possibili fuoriuscite di liquido (siero o sangue); durante questa valutazione, è possibile aiutarsi con un fazzoletto per controllare eventualmente il colore della secrezione.